lunedì 13 gennaio 2014

I 10 OPERATORI CALL CENTER CON CUI NON VORRESTE MAI PARLARE

Il 2014 è iniziato benissimo, con un simpatico guasto alla linea ADSL che mi ha tagliato fuori dalla rete per 13 giorni. Nei primi momenti ero ottimista, in effetti un inconveniente tecnico può capitare. Passati i primi tre giorni ho iniziato a preoccuparmi. Dopo la prima settimana le speranze cominciavano ad abbandonarmi. Giunti al decimo giorno, tra rabbia e rassegnazione, ho pensato di annotarmi qualcosa sulle conversazioni tenute con i miei compagni di sventure, gli operatori telefonici della compagnia che mi fornisce il collegamento internet; servizio che, nonostante il nome, non mi ha condotto affatto nel Paese delle meraviglie.
Ho sintetizzato questi interessanti incontri ravvicinati in 10 tipologie, ovviamente romanzando un po’.
 Forse anche voi avete parlato con almeno uno di loro.

1)IL SICURO. “Non è nulla, si tratta di un guasto momentaneo, entro domani sarà tutto risolto, sono cose che capitano ogni tanto”. [13 giorni senza linea]

2)IL SINDACALISTA. “E’ normale che il guasto non sia stato ancora riparato, questi sono giorni di festa (non ha detto festivi, n.d.r), ma appena termineranno le assicuro che in un giorno lavorativo, massimo due, sarà tutto risolto”. [9 giorni lavorativi senza linea]

3)LO SCARICABARILE. “Non è colpa nostra! E’ la squadra operativa in appalto che non sta intervenendo, sono i fornitori dei pezzi di ricambio, i camionisti che li trasportano, le mogli dei camionisti!... è colpa di questo mondo malato, della società indifferente, non ci sono più i giovani d’una volta, un tempo qui era tutta campagna! Non è colpa nostra! Sarà crollata la centralina, c'è stato un terremoto, una tremenda inondazione, le cavallette, non è colpa nostra! Comunque ora passo il suo numero al direttore di sala [sic], sarà ricontattato a breve. [sto ancora aspettando]

 4) IL TECNICO. “Ma si, guardi, il problema è che la centralina XYZ666KGBFBI123 ha un guasto di tipo 987654321, però abbiamo contattato la squadra operativa locale Sud-Centro Sud-Profondo Sud-Area Metropolitana-Bravo-Charlie-Alfa, quindi entro oggi o al massimo domani sarà tutto riparato, capito?”
“No”.

5)L’ACCUSATORE. “E’ colpa dei suoi filtri, no del suo modem, cioè dell’Antivisus, anzi dei suoi telefoni, magari delle interferenze del microonde…forse lei è un terrorista e le hanno staccato apposta la linea, ha la pelle scura o la barba lunga per caso? Confessi, o è con noi o contro di noi!”

6)IL PREMUROSO. “Mi spiace tanto, davvero, 10 giorni sono troppi, non so cosa dire, mi scuso a nome della compagnia. Guardi ora le spiego come ottenere il rimborso, lei sta sopportando già troppo…. ora vado a farmi sentire dal capo, o le riparano il guasto o mi licenzio! Vorrei fare mio questo suo dolore, se le serve un rene o altro dica pure. Ah, un’ultima cosa, nei prossimi giorni potrebbe essere contattato per valutare il mio operato [ecco spiegata la premura].

7)IL PERMALOSO. “Non si arrabbi con me, non è colpa mia. Le posso solo dare informazioni che non ho. Non alzi la voce, lo so che non ha la linea da 11 giorni e che le abbiamo raccontato tutte le balle possibili ed immaginabili, ma io sono sensibile. Ecco, mi ha fatto piangere, ora riattacco.”

8)L’INCAZZOSO. “Guardi, questi sono i tempi, cosa vuole. 12 giorni? Ma è normale, è un guasto grave, sono coinvolte altre persone, o pensa di essere solo lei? Ha già chiamato 12 volte in 12 giorni? E allora che continua a fare, abbiamo capito, quando tutto sarà risolto se ne accorgerà da solo. Non ha altro da fare nella vita? Perché non esce a giocare fuori? Ah, lei ci lavora anche con Internet? Beh, cambi lavoro, Cribbio, ormai il posto fisso non è più di moda”.

9)IL RIGIDO. “Il numero di telefono collegato al guasto è quello da cui mi sta chiamando? Ok. Lei abita in via *****? Ok. Il tipo di abbonamento internet è il *tot*? Ok. Il suo modem è di tipo XYZ? Ok. Lei è la signora ***** *******? No?! [dalla voce avrebbe almeno potuto capire che ero un uomo, ndr] E lei chi è? Il figlio?! Ma io devo parlare solo con l’abbonata! Sua madre non capisce nulla di telefoni ed internet? Le faccia fare un corso e poi le dica di richiamare, posso parlare solo con lei.”

10)IL POSSIBILISTA. “Si, potrebbe essere un guasto alla centralina. Però anche un problema del suo impianto non è da escludere. Forse una cosa banale, tipo un filo tagliato, oppure un danno più esteso. Penso che entro oggi, domani o qualche giorno si risolverà tutto. Credo che non avrà problemi ad ottenere il rimborso. E’ probabile che a breve la richiamerà un nostro tecnico… Penso che tutto è relativo. Ci potrebbero essere universi paralleli in cui ora lei è qui a dare spiegazioni a me che la sto chiamando. In altri mondi magari siamo sposati, abbiamo dei figli e viviamo in campagna, senza questa tecnologia che, invece di agevolare le vita delle persone, la complica sempre più, mentre l’unica risposta che riusciamo a dare è solo altra tecnologia, ancora più complicata e fragile.”

p.s. ringrazio l’ultima operatrice con cui ho parlato, giusto qualche ora fa (Chiara, se non ricordo male). Mi ha spiegato che il guasto alla centralina era stato sistemato una settimana fa; dopo qualche operazione a distanza è riuscita a restituirmi la linea e con essa un po’ di speranza nel genere umano.


Nessun commento:

Posta un commento