domenica 7 agosto 2016

A PAURA MIA; Eduardo De Filippo

A paura mia                                                                                                                   

Tengo nemice? Faccio ‘o paro e sparo…                                                              
‘E t tengo mente e dico: «Stongo ccà! »                                                                  
E nun tremmo si sent’ ‘e di: «Te sparo! »                                                            
Chillo c’ ‘o ddice, ‘O ddice, nun ‘O ffà.                                 

Si è p’ ‘o buciardo, nun me movo, aspetto.                                                              
(‘A buscia corre assaie, ma campa poco).                                                                 
‘O vuò vedè? ‘0 canusce comm’ ‘o «sette»,                                                          
                       
va pè parlà, se fa una lamp’ ‘e fuoco.                                                                       

‘A calunnia? E chella «è un venticello»,                                                                 
dico vicin’ a ‘o viento: «Nun sciuscià? »                                                            
Quann’ha fatt’ ‘a sfucata vene ‘o bello,                                                                  
allor’ accuminciamm’ a raggiunà.                                                                       

E manco ‘a morte, si me tene mente,                                                                      
me fa paura. ‘ A morte è generale.                                                                     
Ll’uommene sò rumanze differente,                                                                       
ma tènen’ una chiusa, unu finale.                                                                            

M’arròbbano? Arreduco mmiez’ ‘a via?..                                                                
J’ fatico e addevento chillu stesso,                                                                          
ma,quanto voglio bene a mamma mia,                                                                     
a mme me fa paura sul’ ‘o fesso!                                                                             

Eduardo de Filippo; 1928                                                     
                                                           
------------------------------------------------------- 

 La mia paura

 Ho nemici? Io faccio il conteggio…         
Li guardo negli occhi e dico: «Sto qua!».
E non tremo se sento dir: «Ti sparo!».
Chi lo dice, lo dice, e non lo fa.

Se è per il bugiardo, fermo, aspetto. 
(La bugia corre molto, vive poco.)
Lo cerchi? Lo trovi come il «sette»,
parla, e si fa rosso come il fuoco.

La calunnia? E quella «è un venticello»,
posso mai dir al vento «Non soffiare?»  
Dopo scatenato viene il bello,
allora si inizia a ragionare.

E nemmeno la morte, se mi guarda,
io temo. La morte è generale.
Gli uomini sono libri diversi,
ma hanno conclusione, un finale. 

Rubano? Mi ritrovo per la strada?
Io lavoro e ritorno me stesso,
ma, per quanto amo la madre mia,
mi fa paura soltanto il fesso!


-------------------------------------------
Il maestro Eduardo ci dà un’altra lezione di vita: la paura è negativa quando ne siamo schiavi, quando blocca le nostre azioni.
La paura dei nemici non ha senso, bisogna affrontarli.
Le bugie vivono poco e chi le pronuncia arderà dalla vergogna; o almeno così dovrebbe essere, oggi è una virtù negare a oltranza e si viene anche apprezzati per questo.
Gli uomini vanno e vengono, ma tutti avranno la stessa fine, la morte renderà tutti uguali (ricorda molto la poesia A’ livella dell’altro grandissimo, Totò).
La povertà non fa paura se con il lavoro onesto si può ricostruire tutto; certo, oggi il problema è trovarlo, o farselo ridare se tolto a torto.
Ma la stupidità, la chiusura della mente dinnanzi ai problemi, l’indifferenza tipica degli imbelli, questa può fare davvero male, questa rende davvero schiavi, l’ignoranza è peggio della paura:  l’ignoranza e la stupidità sono gli unici mali a far davvero paura. 

Nessun commento:

Posta un commento