domenica 14 agosto 2016

SCENE RICICLATE NEI CARTONI DISNEY

I cartoni animati della Disney hanno allietato l'infanzia di milioni di bambini di ogni epoca, incantati dalle bellissime storie, dai caratteristici personaggi e dai fantastici disegni. Quanti giurano di ricordare a memoria intere pellicole, compresi i dialoghi? Ebbene, chissà se si sono mai accorti che la Disney ha riutilizzato le stesse scene in diversi cartoni.




I classici "incriminati" sono Robin HoodIl libro della giunglaGli AristogattiBiancaneve e i sette naniBasil l'investigatopoLa bella e la bestiaCenerentolaLa spada nella rocciaquindi il fenomeno abbraccia un arco temporale che va dalle origini fino alla metà degli anni '80, con una particolare frequenza nei decenni '60-'70. In effetti questo periodo fu caratterizzato da una produzione più carente, ed inoltre negli anni '60 si allentò anche la supervisione diretta di Walt Disney, impegnato in diversi progetti relativi ad altri settori del marchio.
In aggiunta a questa spiegazione è stato sottolineato anche il grande dispendio di capitali ed energie creative necessari alla progettazione e realizzazione di un cartone (non eravamo negli anni del computer), per cui riutilizzare delle vecchie scene poteva essere considerato un buon metodo di risparmio. Oltre alle singole scene la Disney ha spesso riciclato tipologie di trama, caratteri dei personaggi e musiche, confidando sulla validità dei passati successi.
La bellezza dei classici Disney non esce di certo incrinata da questa scoperta, tuttavia un pizzico di amarezza può sorgere nel costatare che alcune delle nostre favole preferite sono state realizzate badando al risparmio ed a format precostituiti, piuttosto che lasciando spazio unicamente alla creatività.
Ma forse questa scoperta ci servirà di lezione, attraverso la quale possiamo avere un'ulteriore conferma di come gli idoli non siano poi così mitici una volta indagati a fondo e di come la maggiore consapevolezza dell'età adulta contribuisca a sminuire un po' i piacevoli ricordi dell'infanzia.


Nessun commento:

Posta un commento